Spedizioni gratuite per ordini a partire da € 90,00! (clicca QUI per maggiori informazioni)
Acne giovanile? Ecco come combatterlo

Acne giovanile? Ecco come combatterlo

L’acne giovanile è una malattia della pelle, che si presenta nella fase adolescenziale ed è causata da un’infiammazione del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea ad esso collegata, che porta alla comparsa dei “brufoli”.

L’acne compare in specifiche parti  del corpo, come il viso, le spalle, il torace e il dorso.

Durante l’adolescenza, a causa del cambiamento ormonale, il testosterone nei ragazzi e il progesterone nelle ragazze possono agevolarne la comparsa, soprattutto se è presente anche un’eccessiva produzione di sebo e una discreta presenza di batteri sulla pelle, ma anche in seguito ad infiammazionidovute, per esempio, al radersi.

Rimedi

I metodi e le terapie da adottare per combatterla variano, quindi, a seconda dell’aggressività con la quale essa si presenta. In alcuni casi può essere importante rivolgersi a un dermatologo.

Ecco alcuni rimedi:

  • Preparare una maschera con succo di limone e yogurt bianco da applicare sul viso per un quarto d’ora circa.
  • Utilizzare creme all'estratto di liquirizia, principio attivo che regola la produzione di sebo in eccesso.
  • Strofinare una fettina sottile di ananas sulle eruzioni cutanee e poi detergere il viso con acqua tiepida.
  • Procurarsi delle lozioni con oli essenziali purificanti (lavanda, citronella, geranio, rosmarino, melissa e menta piperita).
  • Preparare uno scrub naturale con polpa e semi di zucca triturati, un po’ di latte e olio di oliva.
  • Applicare una fettina di cetriolo per circa dieci minuti e risciacquare.
  • Maschere all’
  • Soluzioni esfolianti.

Alimentazione

Ci sono alcuni alimenti che vanno assolutamente evitati, per supportare qualsiasi terapia anti-acne, come ad esempio: le bibite zuccherate, yogurt e succhi di frutta addolciti con elevate quantità di saccarosio, pane bianco, prodotti di pasticceria e dolciumi, che alzano i livelli di insulina, che a sua volta incrementa la sintesi degli androgeni. Tali ormoni stimolano la produzione di sebo, che dilata le pareti del follicolo pilifero, nel quale vanno a finire i detriti cellulari fino ad occluderlo, portando alla formazione dei comedoni, i precursori dei punti neri.

Mangiare quindi pesce ed  legumi in almeno due volte a settimana, accostando un aumento del consumo di frutta e verdura. Una dieta di questo tipo dona numerose sostanze che agiscono nel regolare le funzioni biologiche, e migliora l’aspetto della pelle.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di esperti sarà felice di risponderti.

 

13/05/2020 Commenti: 0

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori.