Spedizioni gratuite per ordini a partire da € 90,00! (clicca QUI per maggiori informazioni)
Bruxismo, come riconoscerlo e affrontarlo

Bruxismo, come riconoscerlo e affrontarlo

Ansia e stress, ma anche problemi emotivi e psicologici, sono tra le principali cause di bruxismo. Un comportamento inconscio che consiste nello sfregamento dell'arcata dentale superiore contro l'inferiore associato ad un’involontaria e soprattutto violenta contrazione dei muscoli facciali normalmente utilizzati per masticare.  Si verifica prevalentemente durante il sonno e può causare diversi disturbi: usura dei denti, mal di testa e dolore alla mandibola con conseguenze importanti in ambito orale.

I pazienti affetti da bruxismo solitamente non si rendono conto del digrignamento dei denti ma al risveglio sono soliti lamentare una fastidiosa sensazione di dolore alla mandibola.

È stata comprovata una certa predisposizione familiare per la tendenza a digrignare i denti e sono stati riscontrati casi ripetuti di bruxismo nella stessa famiglia. Si è inoltre registrata una certa tendenza a manifestare il fenomeno in età adulta quando il bruxismo è già presente durante l'infanzia.

L’unica forma di prevenzione richiede attenzione e forza di volontà. Vanno infatti ridotti tutti i potenziali fattori scatenanti: per prima cosa bisogna, per quanto possibile, ridurre lo stress. A seconda della persona è consigliabile ascoltare musica, fare regolarmente attività fisica anche in maniera leggera, concedersi ogni tanto un bagno caldo, praticare yoga ed esercizi di meditazione.

Il bruxismo, poi, oltre ai problemi legati ai denti e alla mandibola disturba notevolmente la qualità del sonno. È molto importante, quindi, evitare di assumere dopo cena bevande eccitanti e ridurre il consumo di alcolici.

In linea generale la terapia farmacologica raramente consente di dare soluzioni a questo tipo di patologia.

Finalizzato a proteggere i denti, uno dei rimedi più utilizzati per contrastare il bruxismo, consiste nell’utilizzo del bite. Si tratta di una mascherina in grado di creare una barriera protettiva tra le due arcate dei denti in modo da stabilizzare l’articolazione e alleggerire la tensione della muscolatura stessa. Inoltre per alleviare lo stress e contrastare i problemi emotivi alla base del disturbo si possono adottare tecniche di rilassamento.

26/11/2019 Commenti: 0

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori.